Un ballo in maschera (édition spéciale)

Melodramma in 3 atti (Boston fine sec. XVII)

Un ballo in maschera, come altri titoli verdiani, incontrò numerose difficoltà a causa della censura nei confronti del soggetto. Le edizioni attualmente disponibili riflettono lo stadio finale della partitura, frutto di pazienti mediazioni tra la censura napoletana e quella della Roma papale. La nuova edizione critica, grazie alla disponibilità di materiale musicale inedito o fino ad oggi non considerato (l’abbozzo dell’opera di mano di Verdi conservato dagli eredi nell’Archivio di Sant’Agata, le parti d’orchestra stampate da Ricordi per la prima esecuzione, la prima edizione a stampa dello spartito per canto e pianoforte), e dello studio approfondito di fonti letterarie fino ad ora neglette (libretti manoscritti, disposizione scenica per la prima esecuzione) permette di ricostruire l’opera nella sua forma originaria, fornendo una dettagliata ricostruzione del testo relativo alle parti modificate dalla censura e dando conto di tutte le versioni originarie ricostruibili. Inoltre, dal punto di vista della messa in scena, il confronto tra la partitura autografa, il primo libretto e la disposizione scenica redatta da Ricordi per la rappresentazione al Teatro Apollo di Roma nel febbraio del 1859, permette di risolvere alcuni problemi registici poste dalla lezione riportata nelle attuali edizioni.

L’EDIZIONE CRITICA:

  • permette di scegliere tra il testo originario fornito da Somma e spesso cambiato dallo stesso Verdi, e il testo censurato e standardizzato dalle prime edizioni a stampa. Entrambi vengono riportati dall’edizione critica, che provvede a integrare i passi lacunosi, e che offre la possibilità di scelta all’interprete;
  • emenda gli errori e le incongruenze presenti, in gran numero, nelle fonti e riconduce il testo musicale alla lezione originaria, spesso diversa da quella della partitura corrente, soprattutto nelle parti vocali (ad esempio: Finale I, dove la presenza di un Coro maschile che raddoppia le parti di Sam e Tom fu introdotto nell’edizione a stampa per una lettura erronea dell’autografo);
  • ripristina le originarie indicazioni agogiche e dinamiche, quasi sempre modificate o perdute nelle edizioni successive: si veda, a proposito di dinamiche banalizzate, un punto chiave dell’opera, il N. 2 – Invocazione di Ulrica –, dove il tritono prodotto da violoncello (piano) e clarinetto (forte con diminuendo) è appiattito nell’edizione corrente da un generico “p” a entrambi gli strumenti;
  • restituisce la ricchezza dell’armonia e delle parti vocali che l’edizione corrente tende a ‘normalizzare’ e impoverire;
  • ripristina le didascalie originarie, spesso riferite a particolari prassi vocali o strumentali, molto più numerose e significative che nelle edizioni tradizionali (si veda ancora il N. 2, nell’aria “Re dell’abisso” dove nell’edizione tradizionale Ulrica scompare nel trabocchetto prima dell’intervento del Coro, laddove Verdi indica chiaramente la sparizione della maga dopo le parole “silenzio, silenzio”).

Emerge in generale una cura nell’orchestrazione, una raffinatezza nella calibrazione dei singoli pesi strumentali all’interno dell’orchestra, ben diversa dal Verdi sanguigno e cabalettistico cui, eccezion fatta per i due ultimi titoli verdiani, ci hanno abituato decenni di corruzioni testuali e di prassi esecutiva.

____________________________

Ilaria Narici è inoltre la curatrice di:

Gaetano Donizetti

Gioachino Rossini

 

 

Compositeur

Giuseppe Verdi

Éditeur

  • Ricordi Milano

Personnages

  • RICCARDO tenore
    RENATO baritono
    AMELIA soprano
    ULRICA contralto
    OSCAR soprano
    Silvano basso
    Samuel basso
    Tom basso
    Un giudice tenore
    Un servo d'Amelia tenore

Choeur

  • uomini donne

Instruments

  • 2.2.2.2. / 4.2.3.1. / Tp. Perc. Cmp. A. / Archi

Genre

  • Œuvres scéniques

Livret

Somma A.

Note sur création

Roma Teatro Apollo 17/02/59

Notes

  • Edizine critica a cura di I. Narici The University of Chicago Press e Casa Ricordi

Note du livret

  • Deutsche Übersetzung von J. Popelka und G.C. Winkler

Location

Pour toute information sur la location : umpcrental@umusic.com

Location en ligne : www.zinfonia.com

Pour plus d’informations sur le compositeur ou son œuvre, contacter : umpcpromotion@umusic.com